La Storia

BREVE STORIA DELL’ASSOCIAZIONE

pieroL’Associazione è stata fondata agli inizi degli anni ’90 dopo che la Scuola si era trasformata in Fondazione. Piero Farulli desiderava creare un’Associazione sul modello anglosassone, che garantisse la continuità dello spirito che aveva animato la Scuola sino allora. Il piccolo gruppo di amici di grande spessore intellettuale che si era riunito attorno a lui e la sua Scuola fu subito sensibile alla sollecitazione.

Quale garante migliore di questo grande messaggio se non Paolo Barile, uomo della Resistenza, costituzionalista illustre, innamorato della musica e del messaggio fiesolano Durante più di 10 anni di Presidenza, Barile divenuto nel frattempo Ministro per i rapporti col Parlamento, portò ben due Presidenti della Repubblica a conoscere la realtà di Fiesole.

Dopo la sua scomparsa, Piero volle che gli succedesse uno dei più brillanti allievi di Paolo, suo collega nello Studio e all’Università, il professor Stefano Grassi. Fu un grande sacrificio che Grassi accettò in nome di Paolo e della stima per Farulli. Quando gli impegni lo sovrastarono, passò il compito a un altro illustre amico, Pier Giovanni Marzili. Da molti anni fervente ammiratore del Quartetto Italiano, affamato di musica e estimatore del lavoro fiesolano, Marzili si mise all’opera per trasformare la piccola realtà degli Amici in una Associazione con personalità giuridica riconosciuta. L’irruenza di Marzili dovette cedere alla malattia che lo portò prematuramente alla morte.

All’orizzonte si profilò allora una antica fautrice della Scuola che aveva sempre sostenuto Farulli e la sua opera sia come Assessore Regionale alla Cultura che come Senatrice: Anna Maria Bucciarelli. Anna ha lavorato per molti anni in questo ruolo, operando generosamente con grande attivismo e accettando la carica di Vicepresidente della Fondazione. Quale Senatrice, grazie alla vicinanza con il Sottosegretario al tesoro e alla sua autorevolezza, fece emanare una legge che ancora oggi assicura un contributo statale di peso e che nel 2000, data dell’emanazione, salvò la Fondazione da una feroce crisi economica.

Nel 2010 a metà dell’ennesimo mandato, Anna individuò fra i genitori degli allievi una vera forza della natura che era arrivata appena un anno prima dalla Svizzera, Francesca Moncada Traxler. Francesca con la generosità che le è propria e con le sue competenze preziose nel campo della comunicazione si è messa all’opera realizzando fra l’altro una serata di raccolta fondi per la Scuola che ancora si ricorda come un mito avendo raccolto la bellezza di 140.000 euro! Con infaticabile lavoro ha messo a disposizione della Scuola tutte le sue conoscenze realizzando concerti in sedi prestigiose e per società illustri come la Fondazione del Corriere della Sera o il concerto dell’Orchestra dei Ragazzi a Palazzo Colonna a Roma. A Dicembre 2012 ha voluto cedermi la Presidenza promettendomi comunque il suo pieno appoggio e accettando la responsabilità della comunicazione dell’Associazione Amici.

Adriana Verchiani Farulli

 

Dopo il biennio di presidenza della Dottoressa Adriana Verchiani Farulli, l’Assemblea dell’Associazione ha eletto un nuovo Consiglio Direttivo composto, come di consueto, da amici che da sempre hanno avuto a cuore la Scuola di Musica di Fiesole e che hanno deciso di impegnarsi per sostenerla: Anna Ancillotti, Stefano Dalpiaz, Sigfrido Fenyes, Cristina Giani, Francesco Padovani, Edoardo Rosadini, Giuseppe Soresina, Anna Maria Spagnuolo Taddeucci Sassolini, Francesco Steidl, Maria Vittoria Tonelli e Vanna Van Straten Ferrari Bravo.
Alla presidenza è stato indicato Sigfrido Fenyes, alla vice presidenza Francesco Steidl mentre Anna Ancillotti ha assunto la carica di Tesoriere.
Particolare importanza viene (e verrà) data poi alla comunicazione della quale si occuperanno Cristina Giani, Stefano Dalpiaz e Maria Vittoria Tonelli.
Lo statuto è stato aggiornato per rendere migliore l’operatività dell’Associazione che fin da subito ha iniziato ad adoperarsi per quelle finalità per le quali l’Associazione stessa nacque. Si è infatti ribadito che lo scopo è quello della “promozione della qualità musicale ed il coinvolgimento, in ogni sua forma e con ogni modalità di tutti i cittadini alle attività musicali, secondo lo spirito e l’insegnamento del Maestro Piero Farulli e dei valori fondanti la Scuola di Musica di Fiesole”.
E’ per questo fine che l’Associazione “sostiene, promuove, incoraggia, fa conoscere e valorizza l’attività della Fondazione Scuola di Musica di Fiesole e partecipa alle sue attività nelle forme stabilite dallo statuto della Fondazione, ferma la reciproca autonomia”.
Dall’insediamento ad oggi varie iniziative sono state intraprese in ossequio agli scopi statutari.
Le più importanti sono sicuramente quelle legate al finanziamento di borse di studio per allievi meritevoli. Grazie alla raccolta di adesioni, giunte in numero considerevole, ma mai sufficiente a soddisfare le sempre crescenti esigenze, è stato possibile assegnare nel 2014 e nel 2015 borse di studio importanti.
Significativo è stato anche l’apporto economico per il Master per operatori musicali per cori e orchestre giovanili e per il Progetto delle Piagge.
Non sono mancati alcuni interventi di supporto ad allieve ed allievi.
Sono stati anche realizzati eventi che hanno riscosso apprezzamento ed interesse, quali conferenze scientifiche (“Come funziona il musicista” a cura del Prof. Massimo Ceruso) e cicli tematici (“Le grandi donne della Musica” a cura della Prof.ssa Eleonora Negri) che hanno visto la partecipazione attiva di allievi della Scuola in varie sedi fiorentine.
Altre iniziative sono in programma per i prossimi mesi e per il 2016.
Vorremmo fare sempre di più e sempre meglio per aiutare i giovani musicisti, per aiutare la Scuola.
Ce la mettiamo tutta, ma l’aiuto maggiore è quello che possono dare tutti gli Amici, promuovendo l’Associazione e raccogliendo adesioni.
Ci contiamo. Davvero.

Sigfrido Fenyes